La Prima Dell’Anno

13 gennaio 2013 a 22:20
13.01.13
La Prima Dell’Anno – Varese, Sacromonte (VA)
Oggi iniziamo con una dedica Oggi iniziamo con una dedica a Tartapapà Roberto,  la canzone  è di Caterina Caselli, si può scegliere se nella versione originale o quella cantata da Tiziano Ferri, a lui la scelta ” PERDONO” e anche una canzone di Viola Valentina, di cui non ricordo il titolo…so solo che fa così ” non succederà più la la la la……..” spiego il perché di questa dedica…
Ritrovo in sede alle 7, oggi non siamo puntuali, ma molto di più!
Arriviamo quasi tutti contemporaneamente:
Paola e Roberto, Settimio, Mariuccia e Luigi, arriva anche la neo-Tartaruga Angela, subito dopo Giorgio e Alberto, senza Elisa, ancora malata.
Ci organizziamo con quante macchine andare e nella confusione siamo convinti di esserci tutti. Partiamo e facciamo subito una sosta per prendere Laura una futura Tartaruga…
speriamo presto.
Ero in macchina di Luigi mentre Antonio era con Alberto, mi squilla il telefono e sento la voce di Antonio “Ma Tartapapà Roberto dov’è?” Oh oh…
Torno indietro di un giorno, sabato Luca ci dice che se domenica alle 7 non è in sede vuol dire che non riesce a venire.
Lui ha parlato al singolare, stamattina io ho pensato al plurale, quindi ho detto che neanche Tartapapà sarebbe venuto, quindi si va tranquilli verso Varese. “PERDONO, PERDONO, PERDONO!”
Arriviamo al ritrovo e ci uniamo alle altre Tartarughe: Andrea, la bella Laura oggi ancora più bella con la sua nuova maglietta, Vito e Jessica, Fabio, Maurizio, Edo con il suo amico,
adesso anche nostro.
Si unisce a noi anche Raffaele il re dei deserti.
Ma Gianni, anche lui neo-Tartaruga, che fine ha fatto? Le previsioni di brutto tempo lo hanno trattenuto nel calduccio del focolare familiare.
Mentre ci cambiamo vediamo spuntare tra la folla Tartapapà Robert, che poverino era arrivato in sede solo qualche minuto dopo ed è stato quasi 20 minuti ad aspettare invano…alla fine ha deciso di partire alla volta di Varese da solo.
Dopo esserci prodigati nelle scuse e felici che anche oggi è con noi, facciamo la foto di rito, che scopriamo poi non essere venuta, Paola ha fatto un po’ di confusione con il cellulare di Roberto, e partiamo, chi camminando, chi correndo verso la bella tapasciata che la corsa di Varese ci offre.
Un percorso veramente bello, con una salita a dir poco faticosa che ci porta alle cappelle e al Santuario del Sacro Monte. Arrivati  al Santuario alcuni di noi decidono di visitarlo, altri approfittando della discesa si lanciano a perdifiato verso l’arrivo.
Alberto invece non si è accontentato di fare solo una volta la salita, ha voluto ripetere la fatica.
A qualche km all’arrivo vediamo Paola che si unisce a noi con una corsetta, più avanti Mariuccia, Angela e Tratapapà Roberto marciano e chiacchierano tranquillamente.
Noi arriviamo e Laura, Andrea e Fabio gia cambiati, ci salutano perché devono andare, sono di corsa ” Ma non hanno già fatto 20 km di corsa???”
Anche noi ci cambiamo, naturalmente dopo aver fatto una sosta al ristoro rimpinzandoci di te, fette biscottate con marmellata e spicchi di arance.
Anche oggi è stata una bella tapasciata insieme alle Tartarughe, a parte il piccolo inghippo della mattinata, ma tutto è bene quel che finisce bene, non vi pare??????!!!!!!!!
Antoniella Ferrara  – La Campionessa