ColleMar-athon – Elisa

5 maggio 2013 a 21:34
05.05.2013
ColleMar-athon – Barchi (PU)
Ciao Tartarughine eccomi qua con il mio primo racconto…la Colle Marathon
Iniziamo dal viaggio…. Fantastico!!!!!
Ci ritroviamo a caronno tutti gasati, il tempo di salutarci e ci dividiamo sui due pulmini e si parteeeeeee.
Tra un po’ di musica a palla!!!! quattro chiacchere e facciamo la prima fermata per il pasta party.
In un nano secondo vedo materializzarsi un tavolino, bicchieri,tovagliolini, posate rigorosamente non di plastica, coca cola, l’immancabile birra e una fantastica, colorata pasta fredda. Ma da dove viene tutta questa roba??????? Grandi!!!!
Si ritorna in pulmino e dopo circa 5 min ci si riferma per pausa caffè e pipì. Beh iniziamo bene, a che ora arriveremo se andiamo avanti di questo passo?
Ma non preoccupatevi le tartarughe hanno molte risorse e senza che ce ne accorgessimo siamo già arrivati.
Il ritrovo con Maurizio, Sonia, Angela, Gianfranco e la mitica Alessia è al punto di ritiro dei pettorali. Sono emozionata, finalmente conosco Alessia, la persona che ha reso possibile tutto ciò.
Vogliamo parlare del pasta party offerto dall’organizzazione?
Bellissimooooooo abbiamo mangiato a suon di musica dal vivo con pezzoni dei pink floyd, grease, Ligabue… scusatemi ma non ce la facevo proprio a non ballare!!!
Arriva il momento di dividerci… un gruppo va a farsi un giro e l’altro va a montare il campo tendato.
Mi aggrego ai fustoni che devono montare le tende, non si può non immortalare questo momento senza almeno una foto, giusto? Si crea un’atmosfera magica, una luce del cielo e del mare particolare….Le tartarughine intanto si cimentano nel montare le tende e gonfiare i materassini tra tante battute e risate.
Ci si ritrova tutti insieme al campo e anche qui rimango a dir poco a bocca aperta, in giro di poco Diego mette a terra un telo, tira fuori dalle borse di tutto, fornelletto, pentola, vin brulè, mestoli, bicchieri, una moka per fare il caffè… ma quanto sono grandi queste borse? Chi sei Mary Poppins?
Ma non è finita qui… Maurizio e Guido tirano fuori le chitarre e udite udite Gianfranco distribuisce fotocopie delle canzoni a tuttiiiiiii. Che organizzazione ragazzi siete meravigliosi!!!
Si inizia a cantare e quante stonate, per fortuna che c’era Alessia che ci riportava sulle vere note del pentagramma. Che bella serata, siamo proprio un bel gruppo! E adesso a nanna che domani ci aspetta una GRANDE giornata.
Sveglia all’alba e ci si ritrova al paese di partenza tutti sorridenti, carichi e diciamocelo emozionati.
Ragazzi quando è scoppiato il cannone della partenza sulle note di THE FINAL COUNTDOWN avevo la pelle d’oca, forza ragazziiiiiii, forza TARTARUGHE DELLA KIRGHISIA!!!!
Grazie alla nostra super driver Angela, alla navigatrice Sonia e alla passeggera (io) arriviamo in un paesino posto al 15° km ad aspettare i nostri eroi che dopo una pausa birra arrivano tutti sorridenti, che bello vederli, Alessia è raggiante. Riesco a correre insieme al gruppo forse per solo 100 m??? ma è stato bellissimo!!!!
Riprendiamo la macchina e li aspettiamo all’arrivo.
Non ho veramente parole per esprimere quello che ho provato quando li ho visti arrivare da lontano, poi sul ponte tutti insieme e poi al traguardo……. Mi emoziono ancora mentre sto scrivendo.
Questo è il racconto di chi è rimasta a guardare non oso immaginare a chi ha corso tutta la maratona.
Grazie a tutti per questi meravigliosi momenti e soprattutto grazie a te Alessia sei una persona veramente speciale!!!!
Un grosso bacione a tutti
 
Elisa Banfi
Tags: