Quattro Passi tra i Sentieri delle Bionde 2014

9 marzo 2014 a 18:55

https://sites.google.com/a/tartarughedellakirghisia.it/www/vita-sportiva/quattro-passi-tra-i-sentieri-delle-bionde-2014/foto.JPG
https://sites.google.com/a/tartarughedellakirghisia.it/www/vita-sportiva/quattro-passi-tra-i-sentieri-delle-bionde-2014/foto%20(1).JPG
09.03.2014
42° Quattro Passi tra i Sentieri delle Bionde – Saltrio (VA)

Quando la “campionessa” dice le parolacce..

Finalmente il sole!
Oggi, domenica 09 marzo, ci ritroviamo a Saltrio per una bella tapasciata con belle salite, bei panorami, ottima compagnia.

Passo a prendere Giuseppe, quindi Diego e poi via… si va.

In auto Diego, che inizialmente è praticamente ancora addormentato, inizia simpaticamente a sproloquiare e filosofeggiare…
“Uomo” di qui, “uomo” di là… Ho fatto un sogno, ne ho fatti due..

Insomma… Dalai Diego Lama Honoris Causa!

Arriviamo a Saltrio già belli carichi e con la benedizione impartita dalla nostra nuova birra spirituale, oops, guida spirituale Dalai Diego Lama.

Si, ma… e Laura?

“Laura non c’è, è andata via…
Laura dov’è?
mi manca sai,
magari c’è un altro accanto a lei…”

Si, è Andrea.
Finalmente arrivano trafelati: “I carabinieri ci hanno fermato”…
Laura, ascolta un “vecio”.. BEVI MENO..

Finalmente la foto di rito tutti assieme e via..

E puntualmente, come ogni Domenica mattina, si ripete il balletto dei chilometri…
Antonietta mi guarda con fare implorante.. “Tu cosa fai? 6+20 vero?”
Antonio, Diego e tutti gli altri oggi lo sconsigliano: “Oggi solo 20, è dura, è tutta salita”..
E vada per i 20.

Via si parte.

Passano forse 500 metri dalla partenza e abbiamo già cambiato idea.
Come si fa a lasciare la campionessa da sola? Impossibile.. Ci si sentirebbe come aver bigiato a scuola o non aver fatto tutti i compiti.
Ok, Antonietta, anche oggi ti seguiamo.
Così io, Diego, Daniele e Giuseppe ci rassegniamo (felicemente per la verità) e decidiamo per i 26km.

Ad un certo punto incontriamo lungo il percorso 5 o 6 maglie arancioni.
Antonietta, notoriamente da tutti conosciuta come persona a modo, mai uno sproloquio, mai una parolaccia, mai nulla fuori posto,
ad un certo punto la sentiamo esclamare a gran voce alle maglie arancioni “CIAO CAZZEGGIO”.
Apriti cielo!
Antonietta!
Ma cosa dici?
Sei impazzita?
Sei stanca?
Crisi di fame?
Incubo da nove colli imminente?

E inizia il balletto delle battute di noi maschietti nei suoi confronti..
“Antonietta tu sei come la madonna .. non puoi dire parolacce!”
“Campionessa abbiamo il tuo quadro sopra il letto con il rosario attaccato.. Non essere volgare”
“Antonietta, ok che anche il Papa ha sdoganato una parolaccia, ma tu.. No, tu non puoi”
E giù a ridere come dei pazzi.

Il bello delle uscite comunitarie è proprio questo: unire l’utile (la corsa) al dilettevole (la compagnia).

Antonietta..
ricordati di noi quando sarai sul podio della nove colli!

 
Lucio